Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for agosto 2012

clicca per una slide

presso il Comune di Turi, durante le festività in onore del santo patrono, sono state esposte sculture di Giuseppe Vittore, di Sammichele di B.

ho iniziato, nel lontano 1974, impiegando un tronco (“u pesùle) usato per sedere, e, con accetta e scalpello, abbozzai un volto molto somigliante al nonno materno e … fu gioia in famiglia
Nel tempo libero ( ha lavorato anche nella Carrozzeria Prisciantelli), produceva sculture in ferro o in pietra locale; ma questo non lo gratificava perché gli sembravano freddi corpi senza anima; la sua materia preferita è il legno: radiche (ceppenère), tronchi abbandonati dal mare sono i pezzi usati; lo affascina il “movimento” che la Natura esprime nel legno e che lui asseconda nel realizzare i suoi lavori: utilizza soprattutto legni stagionati di ulivo o acacia; quest’ultimi, utilizzati dopo 28 anni che erano rimasti abbandonati in cantina immuni da batteri e muffe;  “ non avevo idea come impiegarli, addirittura lo scalpello si è rotto per quanto era duro. L’acacia per la sua durezza e flessibilità viene usata per sagomare le “sdanghe” delle sciarrette“.
Il suo desiderio è incidere sul legno vivo, su alberi in buona salute e ammirare la reazione dell’albero a tale ferita. L’esperienza già fatta è stata strabiliante
Amico dell’indimenticabile prof. Dino Bianco a cui è intitolato il Museo della Civiltà contadina a Sammichele di Bari, ha esposto nei paesi viciniori, ricevendo attestazioni di merito; ad Adelfia vince il 1 premio in un concorso di sculture per arte sacra.
Con pochi titoli ma con molta voglia di sapere, studia per far crescere bene le sue creature; scultore fai da te.

Un Cristo protetto dal suo Creatore, una Arca di Noè, un personaggio paesano, divinità pagane, sacerdoti di altri tempi, robotici, asceti prendono vita dal suo scalpello.
Clicca qui per alcune foto

Read Full Post »

La Festa grande è iniziata

clicca per una slide

La festa grande entra nel vivo; le bande si esibiscono ed inondano piazze e vie di suoni d’orchestra;  S. Oronzo “curte” viene portato alla grotta per essere esposto alla venerazione dei fedeli e tenersi pronto per ritornare trionfante sul suo carro in piazza Silvio Orlandi, dove sarà accolto da una folla festante, colori, luci e dall’Aida di Verdi; u tammurre gira per il paese per annunziare che è festa.

Read Full Post »

di Giuliana Palmisano
Sarà capitato a chiunque di leggere sui cartelli, in paese e in campagna, nomi curiosi di strade, contrade e quartieri. Non sempre ci si chiede il perché di questa o quella denominazione; appare scontata e invece… Via la Ninna, la Difesa Baronale, Parco del Colombo, Lamacupa, Contrada Cisterna, Via del Canale, i Serri, Contrada la Quacquera, la Paluda Salza, Parco di Sciscioli e tanti altri.
Ebbene c’è tutta una storia dietro questi toponimi, (toponimo dal greco topos = luogo) e per risalire al loro significato etimologico i linguisti li classificano in categorie, secondo che hanno riferimenti al suolo (geonimi), all’acqua (idronimi), alle piante (fitonimi), agli animali (zoonimi) e all’uomo (fattori antropici).
Dopo aver frequentato un corso di Perfezionamento in Storia (altro…)

Read Full Post »

Miss Puglia parte da Turi

Turi è diventata capitale della bellezza. Nell´ambito della 73esima edizione di Miss Italia, la nostra cittadina rinomata per il suo oro rosso, le ciliege Ferrovia,  ha ospitato  l´evento di punta del tour regionale di Miss Italia: alle ore 21 nella suggestiva area antistante al Palazzo Marchesale si è assegnata  la prestigiosa fascia di Miss Puglia.  Fortemente voluto dal proprietario di (altro…)

Read Full Post »

14 agosto 2012

Il Club UNESCO di Bisceglie di Pina Catino e l’ENSAMBLE BAROCCO “G. Maria Sabino”,diretto dal M° Paolo Valerio in piazza Gonnelli a Turi, per valorizzare il Patrimonio culturale del nostro territorio che lo lega alla Napoli seicentesca.

Un omaggio al compositore biscegliese Gaetano Veneziano e al turese G.M. Sabino maestro di cappella.

 Per l’Organizzazione delle Nazioni Unite,  l’Educazione, (altro…)

Read Full Post »

Le donne di Puccini

clicca per una slideshow

scritto e diretto da Antonella Rondinone

Uno spettacolo dedicato al grande maestro, Giacomo Puccini, attraverso
un testo teatrale di grande spessore, che ne racconta la vita ed  accompagna lo spettatore in un viaggio lungo i sentieri della sua musica  e, ancor più, delle sue emozioni.
Dal testo alla esecuzione delle  più celebri arie per personaggi femminili, “Le donne di Puccini”  rappresenta senza dubbio una idea originale ed efficace per raccontare Giacomo (altro…)

Read Full Post »

La Grande festa si avvicina

Tra sette giorni, principierà la undena in onore del santo Oronzo, protettore della città di Turi dal 1819 con bolla pontificia di Pio VII. Si terrà nella grotta dove praticò la fede in Cristo e raccolse in preghiera quanti credettero in lui.

Un carro, trainato da 6 mule dell’Ass. “mule  di S. Oronzo”, lo porterà in trionfo la sera del 26 Agosto, preceduto dal lancio del pallone aerostatico, offerto da Marinuccio Di Venere, presidente della festa.

Le vie che si incontrano in piazza S. Orlandi, dove verrà allestita la Cassa armonica, saranno illuminate sfarzosamente dalla ditta Faniuolo di Putignano.

La ditta Paciello D.di Monopoli addobberà alcune vie del paese, mentre il fiorista Andrea Saffi curerà l’addobbo della Chiesa matrice e provvederà al lancio floreale all’arrivo del carro.

Grandi concerti bandistici si esibiranno durante l’evento particolare:

il 25  la banda cittadina don G. Cipriani;

il 26 gran concerto di Francavilla, e il gran concerto di Bitonto oltre alla nostra banda;

il 27 il premiato concerto di Racale e il premiato concerto di Conversano.

Il 28 Francesco Renga in concerto.   Altre manifestazioni civili sono inserite in questo periodo festivo.

Il  cav. Bartolomeo Bruscella illuminerà il cielo di Turi, la mezzanotte del 26, con uno spettacolo pirotecnico.

Read Full Post »