Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for maggio 2018

tratturoMuri, con pietre grezze che si pongono le stesse in modo da farne coincidere il più possibile i contorni, delimitano le nostre vie e tratturi di campagna.

Questo tipo di muro a secco  domina nel paesaggio agrario della Puglia, sempre per le delimitazioni delle proprietà.

Nella prima età del Ferro si svilupparono a Turi, zona Monteferraro e Lama Rossa,  piccoli villaggi di capanne che, a seguito di una crescita demografica, avvenuta tra il VII-VI secolo a.C., cominciarono ad evolversi in un grande abitato peuceta, circondato da diverse cerchie murarie, che racchiudeva un’acropoli, dove erano ubicati gli edifici pubblici e di culto e dove risiedeva l’aristocrazia locale, e un abitato vero e proprio, dove risiedeva gran parte della popolazione

L’abitato peuceta a Turi è stato identificato nella periferia del paese, direzione sud-est, via Putignano,  via Vecchia Castellana e via La Quacquera , dove ancora oggi, fino a quando le ruspe e le nuove costruzioni ne cancelleranno le tracce, si può vedere un paretone che segue il confine con l’ex mulino Zaccheo.

I “paretoni” sono costruzioni fatte con prodotti litici sottratti al terreno da coltivare e segnano il confine delle proprietà; nell’antichità aveva una funzione delimitativa di un’area particolare e anche difensiva.

Le “specchie”, ai margini del campo, sono ”ossa” cavati dalla terra, rosario quotidiano di fatiche secolari; nell’antichità, si pensa, abbiano avuto funzione di monumenti funerari o vedette militari perché offrivano, in una pianura, una posizione superiore per scrutare l’orizzonte.

Ora, ruspe e macinapietre polverizzano questi manufatti in poco tempo, cancellando ogni traccia del passato; tocca al cultore conservare la storia per tutti, invitandoli a preservare i segni del passato comune.

La Regione Puglia con bandi di concorso contribuisce per salvaguardare e migliorare il paesaggio agrario e conservare elementi naturali e seminaturali  quali i muretti a secco,  elementi in grado di filtrare, tamponare e conservare le qualità dell’ambiente e, più nel dettaglio, a salvaguardare l’attività degli organismi vegetali e animali che vivono negli agroecosistemi dei muretti a secco, in quanto ‘aree rifugio’ per i nemici naturali dei parassiti delle colture.
Per tale obiettivo sostiene le spese per il rifacimento dei muretti a secco, effettuati da imprenditori agricoli

Annunci

Read Full Post »

seduti da sx il 1° Aurelio Cisternino, il 3° G. Moscati

Martedì 24 novembre 2009 la Rai ha messo in onda la miniserie “Giuseppe Moscati – un amore che guarisce”, storia vera di San Giuseppe Moscati nato a Benevento il 25 luglio 1880 e canonizzato nel 1987.

Giuseppe Moscati fu battezzato in casa il 31 luglio 1880, festa di S. Ignazio di Loyola. L’8 dicembre 1888, solennità dell’Immacolata, ricevette la Prima Comunione da Mons. Enrico Marano, nella chiesa delle Ancelle del Sacro Cuore di Napoli, dove conosce il futuro Beato Bartolo Longo, il fondatore del Santuario della Madonna di Pompei, e del quale il Prof. Moscati sarà il suo medico curante. La famiglia Moscati, quando il papà del Santo fu promosso Consigliere di Corte d’Appello, si trasferì nel 1884 a Napoli, in Via S.Teresa al Museo 83, poi nel palazzo Bagnara di Piazza Dante 9 e infine, nel 1902, al terzo piano di Via Cisterna dell’Olio 10, a poca distanza dal Gesù Nuovo, dove fu sepolto in una delle cappelle a lui dedicata al Santo e sono custoditi tra l’altro diversi mobili ed oggetti personali. Dopo il corso elementare, Giuseppe Moscati nel 1889 si iscrisse al Liceo Classico Vittorio Emanuele. Durante gli studi liceali, tra i professori ebbe il famoso vulcanologo Giuseppe Mercalli. Conseguì la maturità classica con ottimi voti. Nel 1987, a a seguito della morte di suo fratello Alberto, si iscrisse alla Facoltà di Medicina, e il 4 agosto 1903 conseguì la Laurea con una tesi sull’urogenesi epatica. Ebbe il massimo dei voti e la lode, mentre la tesi veniva dichiarata degna di pubblicazione. Conseguita la laurea, università e ospedale furono i primi campi di lavoro del giovane medico Giuseppe. Dal 1903 al 1908 prestò servizio presso l’Ospedale degli Incurabili in qualità di Coadiutore straordinario, avendo vinto il concorso, primo in graduatoria, per l’eccezionale preparazione dimostrata. (da http://www.gesuiti.it) Il 1911, a trentun’anni il Dott. Moscati vinse il concorso di coadiutore Ordinario negli Ospedali Riuniti, un concorso importantissimo che non si bandiva dal 1880; ; tra questi c’era anche il turese Alfredo Cisternino(nella foto esposta nell’oratorio della Chiesa del Gesù Nuovo, tra i ricordi del Santo), che si preparava a sostenere l’esame di laurea (a.a.1914/15); il dott. Alfredo (1891-1933), sposato con Fasano Caterina e padre dell’attuale Guglielmo Cisternino,  abitava in via Magg. Orlandi angolo via XX Settembre.

“Non la scienza, ma la carità ha trasformato il mondo in alcuni periodi”. [Da uno scritto di San Giuseppe Moscati del 1922]

Read Full Post »